Restauro delle sale interne destinate al museo del gesso e degli spazi esterni del castello di Moncucco Torinese

← Back to the Portfolio

L’intervento, approvato dalla Soprintendenza Regionale, ha interessato il restauro e la rifunzionalizzazione delle sale interne destinate al museo del gesso e del suo viale di accesso con relativa corte interna.
Il castello di Moncucco, così come si presenta ora, risale ai secoli XIV-XV, ma porta su dì sè i segni evidenti di ampliamenti e modifiche del XVIII e del XIX secolo. E’ un edificio grandioso ancora recintato da solide mura. Una torre di notevoli dimensioni sporge da una delle fiancate, mentre una seconda è posta al centro dell’edificio, come raccordo fra le due maniche del castello. Esso domina il paese e da esso si può ammirare un magnifico paesaggio che dalle colline del Monferrato si estende alle colline del Piemonte meridionale e a quelle torinesi, a Superga e all’arco alpino.
La prima attestazione dell’esistenza del castello di Moncucco è contenuta in un diploma imperiale del 5 ottobre 1164.
Nel 1855 venne acquistato dall’Amministrazione Comunale, cui tuttora appartiene. In esso hanno sede attualmente le Scuole dell’infanzia e primaria statali, il Museo del Gesso (in cui sono illustrate le fasi di lavorazione e l’impiego del gesso nell’architettura rurale del Basso Monferrato fra XVI e XIX secolo).

  • Filed under: restauro e recupero